Ex: amici come prima

Di
Share

Che il cinema italiano abbia scoperto il sequel selvaggio non è una novità, così come la sua reticenza nell’utilizzare un banale “2” dopo il titolo per indicare che la minestra è cambiata, ma solo nel condimento. Carlo Vanzina firma il sequel di quell’Ex campione di incassi due anni fa, regalandoci l’ennesimo clone della commedia a episodi incrociati tanto cara alla Brizzi-Veronesi generation. Proprio di Brizzi era il primo capitolo, del 2009, e per la prima volta lòa firma Vanzina viene associata a un seguito di un film di qualcun altro. Allessandro Gassman unico trait d’union tra i due film, seppure in un ruolo diverso da quello del primo capitolo, per un’operazione che è così meramente commerciale da rasentare l’inutilità.



Tradimento e separazione al centro delle storie che si intrecciano, cinque storie con un cast vanziniano e televisivo al massimo, privo di ogni minima critica sociale e approfondimento che Brizzi aveva infuso nel primo film seppur col contagocce. Ex 2 è poco più (a tratti persino poco meno) di un cinepanettone metropolitano, dove ancora non si mangia il pandoro ma si ride di noia per un’ora e mezza che può essere tranquillamente evitata.

Voto 4

Share

Comments

About author

Francesco Bernacchio

Appassionato di pop a trecentosessanta gradi, ama il cinema d'evasione, l'animazione e i film che non durino più di due ore.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

5 + 5 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi