The Twilight Saga: Breaking Dawn – Parte I

Di
Share

L’attesa è finita. Arriva oggi nelle sale il quarto episodio della saga ideata da Stephenie Meyer, Breaking Dawn – Parte I. Le prenotazioni a tappeto da giorni nei cinema stanno facendo la felicità degli esercenti, così come l’idea di alcune fan che hanno prenotato una vacanza in Italia, a novembre, solo perché il film da noi esce due giorni prima rispetto agli altri paesi. Insomma, qualunque cosa scriveremo noi e i nostri colleghi, Breaking Dawn – Parte I sarà comunque un successo. Con Eclipse eravamo rimasti all’annuncio del matrimonio tra Edward (Robert Pattinson) e Bella (Kristen Stewart). Li ritroviamo qui alle alle prese con gli ultimi preparativi prima del fatidico sì. Con loro c’è la famiglia Cullen al completo e tutto sembra andare secondo i piani, tranne per Jacob (Taylor Lautner) che non accoglie con gioia la partecipazione di nozze della coppia. Subito dopo la romantica cerimonia, i due sposini partono per la luna di miele, organizzata nell’isola di proprietà della famiglia in Brasile. La prima notte d’amore si conclude però in maniera piuttosto travagliata e con una sorpresa: un bambino in arrivo per Bella. Presto però la creatura che la ragazza ha in grembo, che per metà è un vampiro, si rivelerà incompatibile con il suo fisico da umana, portando Edward e gli altri membri della famiglia Cullen ad essere molto preoccupati per la sua salute.



Bill Condon (regista di Dreamgirls e Premio Oscar per la sceneggiatura di Demoni e dei), entra nel nel fenomeno Twilight in punta di piedi. La sua è una trasposizione fedele alle pagine del libro della Meyer anche se ogni tanto prova a inserire qualche elemento suggestivo, ma con scarso successo. Di certo non deve aver avuto vita facile nel trasporre per lo schermo il romanzo, sapendo perfettamente che milioni di ragazzine e ragazzini comodamente seduti sulle poltrone del cinema, faranno le pulci al suo lavoro. E proprio la paura di sbagliare viene percepita guardando Breaking Dawn – Parte I, che risulta semplicemente un film noioso. Gli infiniti dialoghi tra i protagonisti e alcune scene che non servono ad altro se non a rallentare una già asfittica narrazione, non aiutano quegli spettatori “non fan” che decideranno di vedere il film. E se l’espressione di Kristen Stewart e quella di Robert Pattinson (il singolare è d’obbligo) non riescono a sottolineare i momenti topici del film, in loro aiuto arrivano le curatissime ambientazioni, fedeli a quelle raccontate dalla Meyer, dettaglio che i Twilighters sicuramente apprezzeranno. Se a tutto questo aggiungiamo It Will Rain, il singolo firmato Bruno Mars che sta facendo da traino alla colonna sonora del film, rigorosamente romantica e radio friendly, non è difficile immaginare che Breaking Dawn non è altro che un prodotto studiato e calibrato sul suo pubblico.

E veniamo alla tanto attesa scena di sesso tra Edward e Bella, scena ridimensionata e tagliuzzata dalla produzione per evitare la censura, quindi una fetta di pubblico troppo larga da perdere. La prima notte di nozze tra l’affascinante vampiro e la dolce umana porta con sé un certo impeto: letto distrutto, piume dei cuscini che svolazzano per la stanza, lividi sul corpo di lei e altre amenità. Di nudo ce n’è ben poco, giusto qualche centimetro di pelle della schiena di Pattinson, e qualcosa di più del corpo di Bella: ma non poteva essere altrimenti. Per una coppia che aspetta centinaia di pagine prima di passare ai fatti, il sesso è un dettaglio. Dopo quella fatidica notte, poi, il film inizia a virare sullo splatter, con qualche punta di horror. E si interrompe proprio sul più bello. Tra un anno ne riparleremo, mentre attendiamo l’uscita della seconda parte di Breaking Dawn, gran finale della saga. Nel frattempo, ricordatevi di rimanere seduti dopo i titoli di coda!

Voto 5

E ricordatevi che giovedì 17 novembre alle ore 22:00 dedicheremo al film e a tutta la Twilight Saga una puntata speciale Movielicious On Air. State connessi!

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

35 + = 41

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi