L’Oscar al vestito più brutto

Di Carolina Tocci
Share

L’84° cerimonia degli Oscar, che si svolgerà a Los Angeles la notte del 26 febbraio, si avvicina sempre di più. Tra due settimane sapremo chi vincerà la tanto agognata statuetta e chi, invece, rimarrà a bocca asciutta. La Notte degli Oscar, però, non è sinonimo solo di cinema ma anche di glamour, moda e abiti sfavillanti: più o meno. Questo speciale è dedicato ai vestiti più kitsch e meno eleganti che di recente hanno calcato il tappeto rosso più celebre al mondo. La scelta è stata ardua, di star che hanno il gusto dell’orrido nel vestirsi ce ne sono più di quante se ne possano immaginare, ma alla fine siamo riusciti a scovare le dieci mise più brutte mai viste durante le serate degli Oscar. Eccole qui!

Cher, 1986 e 1988



Due anni diversi, due abiti dello stesso stilista, l’eccentrico Bob Mackie. Nel 1986 l’attrice e cantante si è presentata alla cerimonia degli Oscar in carne e plastica, con un look da regina cattiva “from outer space”. Verrebbe da chiedersi cosa ha potuto vedere della cerimonia, lo sfortunato che era seduto dietro di lei. Due anni dopo, per ritirare l’Oscar come Migliore Attrice per la sua performance in Stregata dalla luna, l’attrice indossava un abito quasi elegante rispetto a quello esibito nell’86. Un nude look che difficilmente si dimentica.

Jodie Foster, 1989

Una giovanissima Jodie Foster si presentò così a ritirare il suo primo Oscar per la sua prova in Sotto accusa di Jonathan Kaplan. Va bene che erano gli Anni Ottanta, ma l’abito celestino in stile “Barbie va a fare da testimone di nozze al matrimonio della cugina a Las Vegas” era troppo anche per una deliziosa ventisettenne come lei. Ma ci pensa il collant bianco a sferrare il colpo di grazia definitivo a un look da non copiare mai, neanche per sbaglio.

Kim Basinger, 1990

Un disastro su tutti i fronti l’abito bianco in stile meringa indossato dalla bionda Kim durante la cerimonia del 1990. Una giacca a metà con una scritta dorata sulla manica completava una delle mise più pacchiane mai viste a Hollywood.

Kate Winslet, 1996

Vincere un Oscar a vent’anni non è da tutti. E nemmeno scegliere un vestito rosa confetto come questo. Ma la Winslet ora è diventata ancora più brava di quando interpretava Rose in Titanic e sicuramente più elegante (non che ci volesse molto). Per questo la perdoniamo per la svista: si è trattato solo di un errore di percorso.

Angelina Jolie, 2000

Non sapevamo che Morticia Adams fosse andata a ritirare l’Oscar per Ragazze interrotte vinto dalla Jolie. Evidentemente l’attrice era impossibilitata a partecipare alla cerimonia.

Bjork, 2001

Quello indossato da Bjork durante la cerimonia del 2001 forse è stato uno degli abiti più indimenticabili che si siano mai visti agli Oscar. Più che un vestito da sera era una maschera di carnevale: da cigno. La cantante islandese non si è mai distinta per sobrietà, d’accordo, ma forse in quell’occasione ha un tantino esagerato.

Hilary Swank, 2003

Look da fatina delle favole per la brava Hilary, che nel 2003 ha calcato il tappeto rosso degli Oscar con quest’abito rosa di dubbio gusto. Non dona a lei come non donerebbe a nessun’altra: è solo un gran brutto vestito.

Anne Hathaway, 2004

Come potete intuire dalla scelta dell’abito per presenziare agli Oscar 2004, c’è una Anne Hathaway prima e una Anne Hathaway dopo Il diavolo veste Prada. Questa è quella prima, giovanissima e con uno stile che lascia molto, molto a desiderare. C’è ancora chi si domanda perché mai Anne abbia strappato la tappezzeria dal divano di casa per mettersela addosso quella sera. Rimarrà per sempre un mistero.

Scarlett Johansson, 2004

Stesso anno, ma altra attrice. Scarlett Johansson era appena stata catapultata nell’olimpo delle dive per il suo ruolo in Lost in Traslation di Sofia Coppola, ma forse non era ancora pronta. Lo dimostra lo straccetto giallo canarino con cui si è presentata agli Oscar, bordato di pelliccia di dubbia provenienza (il cane o il gatto di un vicino di casa?). Orrida la scelta delle scarpe, almeno quanto quella della borsa abbinata all’abito.

Maggie Gyllenhaal, 2010

Forse si sono dimenticati di avvisare Maggie che non si trattava di una festa in pareo in riva al mare, ma della cerimonia degli Oscar! Considerato che Maggie era alla notte delle stelle con la sua prima (e unica) nomination, per Crazy Heart, avrebbe fatto bene a scegliere meglio l’abito da indossare.

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

4 + 2 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi