Paradiso amaro

Di
Share

Dimenticate il George Clooney che conoscete, il divo gigione sicuro di sé, ben consapevole del carisma e del fascino che lo hanno portato al successo. Difficile immaginarlo, un po’ meno se avrete la possibilità e il desiderio di osservarlo nei panni di Matt King, un marito tradito e un padre costretto a riprendere il controllo di ciò che resta della sua famiglia dopo che sua moglie è entrata in coma. Detta così sembra una tragedia, e in effetti lo è. Se non fosse che Alexander Payne è uno dei pochissimi registi in grado di far sorridere parlando di morte. Vincitore di due Golden Globe (Miglior Film Drammatico e Miglior Attore Protagonista) e candidato a cinque premi Oscar (Film, Regista, Attore, Montaggio e Sceneggiatura Non Originale), Paradiso amaro è un film praticamente perfetto.



Siamo alle Hawaii, tra paesaggi mozzafiato, acqua cristallina e sole cocente. Un paradiso? Non esattamente. Per dirla alla Matt King “…paradiso un cazzo!”. Elizabeth, la moglie di Matt, è in coma da alcune settimane in seguito ad un incidente sportivo, e l’uomo, avvocato di successo poco presente in casa, si trova a dover gestire le sue due figlie, la piccola Scottie (Amara Miller) e l’adolescente Alexandra (Shailene Woodley). Inoltre Matt è alle prese con un’altra questione: è infatti l’amministratore fiduciario di una delle ultime zone ancora incontaminate delle isole, un terreno che appartiene alla sua famiglia da generazioni e che se venduto frutterebbe milioni di dollari. Il fatto è che a breve una legge lo obbligherà alla cessione. Forse esiste ancora una soluzione legale, ma i numerosi cugini di Matt sono decisamente propensi alla vendita, nonostante ciò dovesse significare cementare ed edificare una delle ultime parti incontaminate dell’arcipelago.

Insomma ci risiamo: Payne ci accompagna in una nuova location sensazionale (i vigneti della California di Sideways o le immense pianure del Nebraska attraversate da Jack Nicholson in A proposito di Schmidt) funzionale al cambiamento che il suo personaggio sta affrontando, che lo costringe a una sorta di resa dei conti con vista panoramica. Fisso sul suo protagonista che viene trascinato dagli eventi fino al momento in cui riesce finalmente a cavalcarli, il regista di origine greca ci regala ancora una volta un film acuto, delicato e assolutamente autentico. Il peso e la complessità che riesce a dare ai personaggi (tutti, nessuno escluso) e il modo in cui mette in mostra quella particolare commistione tra cinico e grottesco che solo la vera esistenza riserva, così come il modo in cui si diverte a farcire la storia con metafore goffe e stralunate sulle difficoltà della vita (la corsa in ciabatte di un Clooney con i piedi a papera su tutte), rende Paradiso Amaro il suo film più riuscito sia strutturalmente che narrativamente. Tra le caratteristiche più efficaci e insolite che ricorrono nel cinema di Alexander Payne, poi, c’è il modo in cui l’autore riesce a stabilire un’empatia tangibile tra i personaggi che racconta e lo spettatore. E Paradiso amaro non fa eccezione, tanto che dopo la prima mezz’ora di film, Matt diventa uno di noi, qualcuno la cui sorte inizia a starci a cuore: ci caliamo nei suoi panni, condividiamo i suoi pensieri, e alla fine del film giungiamo alla sue stesse conclusioni, insieme.

Voto 9

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 3 = 12

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi