Rupert Everett: Sarei stato Bond se non avessi fatto outing

Di Carolina Tocci
Share

E’ uno degli attori inglesi più versatili e affascinanti, ma per lo showbusiness ha un grave difetto: è gay! Da domani nelle sale con Hysteria: L’eccitante invenzione del vibratore, Rupert Everett si è tolto qualche sassolino dalla scarpa in un’intervista rilasciata alla rivista Gioia in edicola questa settimana. “Lo show business,  se dichiari di essere gay, ti offre solo parti da omosessuale. Una scelta che ho pagato. Se avessi una bella moglie, una casa a Malibu, tre bambini, un cane e una station wagon, avrei girato molti più film. Sapevo perfettamente cosa rischiavo. C’è una sola cosa che mi dispiace tanto: non aver potuto interpretare 007!” tuona un risentito Rupert sulle pagine della rivista.

Ma 007 a parte, Everett ha aspirazioni che vanno ben oltre la recitazione e presto potrebbe interpretare un decadente Oscar Wilde che ripercorre i suoi ultimi tre anni di vita: “Ho scritto la sceneggiatura di un film sulla fine di Wilde, che vorrei dirigere e interpretare”. Mentre aspettiamo di sapere se questo progetto andrà in porto, se siete suoi fan, vi consigliamo di andare al cinema a vedere Hysteria, commedia in cui Rupert interpreta un personaggio divertentissimo con grande ironia.



Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

4 + 3 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi