Tutti i santi giorni

Di
Share

“Nel gelo della società italiana di oggi vive questa coppia calda d’amore”, così Paolo Virzì definisce i due protagonisti del suo ultimo film, l’undicesimo. Entriamo in punta di piedi a casa di Guido (Luca Marinelli, già visto ne La solitudine dei numeri primi e L’ultimo terrestre) e Antonia (Thony): lui, esperto di santi e martiri, sveglia amorevolmente lei, irrequieta e permalosa musicista punk, portandole una tazza di caffè accompagnata dal riferimento al pio venerato in quel giorno. Sullo sfondo di una Roma feroce e volgare si staglia la vicenda di questi due personaggi, apparentemente opposti e incompatibili, quanto indispensabili l’uno all’altro. Non sono solo i loro caratteri a divergere su molti aspetti, ma la loro stessa vita: lui che fa il portiere di notte in un hotel e lei che di giorno lavora in un autonoleggio. Nonostante tutto, il loro amore è ben saldo e Guido e Antonia sembrano aver trovato un  equilibrio perfetto: sesso tutti i giorni, attenzioni reciproche e tenerezze a non finire. Almeno fino a quando non decidono di avere un bambino che non arriva



In Tutti i santi giorni Virzì mette in scena una storia romantica contornata da diverse tematiche e vicende umane, in perfetto equilibrio tra ironia e tenerezza, all’insegna di un’evidente ricerca di purezza e di autenticità dei sentimenti. Liberamente ispirata al romanzo La Generazione di Simone Lenzi, con il quale Virzì ha collaborato a scrivere la sceneggiatura insieme anche a Francesco Bruni, la pellicola prende spunto, più che dalla storia raccontata nel libro, dal sentimento provato dal protagonista e dalla sua compagna nell’impossibilità di mettere al mondo un figlio.

Come già in Tutta la vita davanti, il regista livornese torna a puntare l’obiettivo sulla drammatica situazione dei giovani d’oggi, proponendola però come uno sfondo ormai consolidato: non più elemento tragico da combattere ma punto di partenza dal quale iniziare a costruire il racconto. Così facendo confeziona un film che non consente distrazioni da parte dello spettatore e in cui ritmo e durata tengono il passo, supportati dalla bravura dei due giovani attori, spontanei come gli viene richiesto dalla storia di cui sono i perfetti protagonisti.

Voto 8

Share

Comments

About author

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 8 = 17

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi