Joaquin Phoenix: “I premi sono una stronzata”.

Di Carolina Tocci
Share

Ormai lo sappiamo che Joaquin Phoenix non è uno che le manda a dire. L’attore trentottenne protagonista di The Master è sempre stato intollerante verso il sistema “Hollywood”, tanto che alla Mostra del cinema di Venezia, durante la conferenza stampa di presentazione del film di Anderson, ha dato spettacolo non proferendo parola e accendendosi una sigaretta, per poi uscire e tornare dopo un po’ in sala. Rimanendo coerente con le proprie convinzioni, una delle star più intollerante agli obblighi imposti dall'”etichetta dei divi”, chiamiamola così, ha sferrato un altro colpo a quel carrozzone di convenzioni che si cela dietro a molti riconoscimenti. Durante un’intervista al magazine Interview, l’attore ha dichiarato: “Penso sia tutta una stronzata”, rispondendo ad una domanda sul perché non partecipasse alla promozione pubblicitaria per gli Oscar di The Master. “Una colossale stronzata, e non voglio prendervi parte. Quando Walk the Line (per cui Phoenix aveva avuto una nomination) ha attraversato tutta la fase dei vari premi, è stata una delle esperienze più scomode della mia vita, e non voglio provare una cosa del genere mai più. Non so come spiegarlo, non è che mi senta superiore, ma solo non a mio agio con quella parte del mio lavoro”.

E come era ovvio, in un paese come gli Stati Uniti in cui gli Oscar rappresentano qualcosa di intoccabile, in seguito alle dichiarazioni di Phoenix si è scatenato l’inferno. La stampa americana si è divisa tra chi ritiene che così facendo Joaquin abbia definitivamente detto addio alla possibilità di essere premiato e chi invece pensa che questo modo di fare possa risultare molto più efficace di quello tradizionale, per arrivare a stringere lo zio Oscar tra le mani. In fondo Joaquin Phoenix non è il primo ad andare controcorrente e ad opporsi al sistema awards: prima di lui ci sono stati Marlon Brando (che non voleva la candidatura per Il padrino e fece ritirare la statuetta a una nativa americana) , Elio Petri che si rifiutò di ritirare il premio vinto per Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, passando per Buñuel o  Woody Allen, che non ha mai ritirato nessuno dei tre Oscar vinti nel corso della sua carriera. Attendiamo l’anuncio ufficiale delle nomination, il 10 gennaio prossimo, esattamente un giorno prima dell’uscita nelle nostre sale di The Master. E vediamo se Joaquin sarà nella rosa dei cinque candidati.



Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

7 + 1 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi