Nicole Kidman madre terribile per Park Chan-wook

Di Carolina Tocci
Share

E’ stato presentato domenica al Sundance Film Festival Stoker, del coreano Park Chan-wook (OldBoy) ,accolta dai critici con recensioni contrastanti. E ora che il film si prepara a uscire sugli schermi americani, ecco sbarcare in rete questa inquietante clip, con un monologo in cui la protagonista assoluta è Nicole Kidman, metre è relegato in un paio di brevissime inquadrature il volto di Mia Wasikowska, che rimane silenziosa sullo sfondo.

A cavallo tra un horror, un dramma familiare e un thriller psicologico, la prima pellicola girata in inglese da Chan-wook racconta la storia di una ragazza (Wasikowska) che, dopo la morte del padre, rimane sola con la madre malata di mente. A casa sua si trasferisce allora un misterioso ed eccentrico zio mai incontrato prima (Matthew Goode, Watchmen). Mentre la giovane si sente intrigata da quest’ultimo, inizia anche a chiedersi se le concomitanti sparizioni avvenute nella loro cittadina abbiano qualcosa a che fare con lui.



“Si diventa madre per provare a ripartire da zero e dare vita a una creatura che sia in grado di ottenere quello che tu non sei stata capace di fare. Per me non è così: io non vedo l’ora di vedere la vita che ti fa a pezzi” sussurra la Kidman nella clip di Stoker. “Ho girato il film una settimana dopo aver finito The Paperboy, in cui facevo un’altra donna disturbata, ma mi piace quando mi danno l’opportunità di interpretare personaggi estremi che mi conducono in luoghi spaventosi”, ha raccontato l’attrice. Amo il cinema indipendente, Paperboy e Stoker sono film con un budget da dodici milioni di dollari, mi ricordano i primi anni della carriera, al contrario di quel che si crede preferisco i ruoli piccoli, ricercati a quelli da diva”.

Stoker uscirà nei cinema italiani il prossimo 9 maggio

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 81 = 89

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi