Poco cinema sul web: la Ue accusa l’industria

Di Redazione
Share

L’industria del cinema non ha ancora capito come sfruttare le potenzialità di Internet per incrementare non solo lo scambio di film fra i vari Paesi del continente ma anche i propri guadagni. E’ l’accusa della Commissione Europea, che ha condotto uno studio fra cinquemila cittadini europei (4-50 anni) in dieci stati membri della Ue sul rapporto che intrattengono con il cinema.

La conclusione dell’Ue è che l’industria cinematografica non riesce più a soddisfare la voglia di cinema che i cittadini continuano comunque ad esprimere (il 97% degli intervistati guarda film occasionalmente, mentre il 54% lo fa quotidianamente). Gli spettatori suppliscono così alla carenza di offerta legale rivolgendosi a quella illegale, cioè alla cosiddetta pirateria.



Dall’indagine, emerge che il 40% dei possessori di smartphone e il 60% di chi ha un tablet usa il dispositivo mobile per vedere film. Più in generale, il 55% degli intervistati confessa di vedere film sul computer o su mobile, ma il problema è che il 68% scarica o vede in streaming film presi gratuitamente dalla Rete.

Per quanto riguarda le presenze nelle sale, molti Paesi tra cui Francia, Germania, Spagna e UK registrano un netto calo, mentre l’Italia si salva con un +6% rispetto al pessimo 2012 soprattutto grazie al successo di Sole a catinelle di Checco Zalone.

(Prima Comunicazione)

Share

Comments

About author

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 59 = 64

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi