Russell Crowe dal Papa, ma solo da spettatore vip

Di Carolina Tocci
Share

Tanto ha detto, tanto ha fatto, soprattutto tramite Twitter, che alla fine Russell Crowe è arrivato in Vaticano. Mercoledì scorso, l’attore ha sperato fino all’ultimo di poter stringere la mano a Papa Francesco e parlargli del suo ultimo film da protagonista, Noah. Ma, checché ne dicano i tantissimi titoli sui giornali, italiani e stranieri, non ci è riuscito. Ed è bene sottolinearlo. Perché se si legge: “Crowe porta Noah dal Papa” oppure “Il Noè cinematografico incontra Papa Francesco“, si è portati a pensare che il Papa lo abbia incontrato davvero. E invece l’attore lo ha soltanto, diciamo così, visto da vicino.



A Crowe, che proprio in questi giorni è in giro per il mondo a promuovere la pellicola, è stata infatti offerta solo la possibilità di prendere posto sul sagrato tra i vip nell’udienza del mercoledì, ma senza essere ammettesso al baciamano finale, opportunità che viene generalmente offerta ad un limitato numero di persone di varie nazionalità, e spesso implica lo scambio di qualche parola con il pontefice.

Ma in Vaticano sono stati chiarissimi: niente baciamano. Sanno bene che anche una sola foto di un eventuale incontro tra il Papa e l’attore o una breve dichiarazione, verrebbe immediatamente strumentalizzata e farebbe una gran pubblicità al film. Così Crowe si è dovuto accontentare di farsi fotografare con un gruppo di preti e di suore e, dopo aver cenato all’Antica Pesa, uno dei ristoranti più rinomati della capitale, ha lasciato la città alla volta del Brasile per proseguire la promozione di Noah.

Da noi il kolossal diretto da Darren Aronofsky e costato 125 milioni di dollari, arriverà il 10 aprile, giusto a ridosso della Pasqua. E a giudicare dal clamore che ha già suscitato, sarà comunque successo, con o senza la benedizione di Papa Francesco.

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 88 = 94

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi