Quentin Tarantino bandisce il digitale dalla sua sala cinematografica

Di Carolina Tocci
Share

Tarantino dice no al digitale. E lo fa con una buona dose di fermezza. Già il mese scorso il regista americano, si era unito ad alcuni suoi colleghi (tra cui Christopher Nolan e J.J. Abrams) per salvare la Kodak e poter garantire la sopravvivenza della pellicola. Ma non gli è bastato perché da ottobre Quentin, che nel 2007 rilevò lo storico cinema New Beverly, a Los Angeles, salvandolo dal fallimento, inizierà a curare personalmente la programmazione della sala, compito che fino ad oggi è toccato al figlio dell’ex proprietario. E proprio per dare un seguito ai suoi movimenti pro-pellicola, ha reso noto che nella sua sala si vedranno solamente film su tale supporto, 35 0 16mm, bandendo del tutto il digitale. Per inciso anche il suo prossimo film, The Hateful Eight, verrà distribuito in 70mm.

“Voglio che il New Beverly sia un punto di riferimento per i film in pellicola – ha spiegato il regista a Entertainment Weekly. Quando uno spettatore verrà da noi a vedere un film non dovrà chiedersi se sarà proiettato in DCP (Digital Cinema Projection) o in 35 mm perché saprà con certezza che sarà in pellicola. Sarà in 35 mm perché così vuole il New Beverly”. E se lo dice lui…



Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 67 = 75

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi