Checco Zalone accusato di plagio

Di Carolina Tocci
Share

“La trama del film di Checco Zalone Sole a catinelle sembrerebbe appartenere al 22enne tarantino Alex De Vietro“. Queste le parole dell’avvocato Fabrizio Lamanna, che ha presentato un esposto alla Procura a Taranto per conto della presunta vittima di plagio. Secondo il denunciante, il film prodotto dalla Taodue, uscito nelle sale italiane il 31 ottobre 2013 “riprenderebbe pedissequamente il nucleo individualizzante di un manoscritto di creazione del De Vietro depositato in data 13 giugno 2012 presso l’ufficio Siae”.

Non si è fatta attendere la risposta da parte di Zalone, che, ironico, sul suo profilo Facebook ha scritto: «Quindi, cari sceneggiatori, se scrivete una storia in cui il protagonista alla fine muore, sappiate che i diritti sono dei sig. Marco, Matteo, Luca e Giovanni»,  allegando al messaggio la nota inviata all’Ansa da Lamanna.



A complicare non poco la questione, il fatto che Sole a catinelle, con i suoi 52 milioni di euro al botteghino, sia il maggiore incasso di sempre del cinema italiano.

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 53 = 63

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi