Piuma

Di
Share

Piuma_1

C’è una linea sottile ma molto netta che separa la semplificazione dallo svilimento e la commercializzazione dal gioco al ribasso: la si è oltrepassata tante di quelle volte, nel panorama artistico nostrano, da aver fatto regredire lo standard dell’intrattenimento di massa al desolato acquitrino paratelevisivo di oggi e da aver generato un’ambiguità profonda, quasi inestricabile, fra il popolare e il triviale.



E c’è un confine altrettanto labile ma evidente tra la dichiarazione di intenti e l’alibi, tra la coerenza e la furbizia, tra la buona fede del cineasta e la sfacciataggine del comune paraculo, un equivoco che, fra sconsolanti commedie da esportazione e incursioni dozzinali nella produzione di genere, ha permesso al 2016 di guadagnarsi la reputazione di sedicente “anno della rinascita”.

All’anglo-pisano Roan Johnson, viste le circostanze e il momento favorevole, vanno quindi perlomeno riconosciute una notevole tempestività e una buona conoscenza delle basilari tecniche di promozione, elementi imprescindibili di una strategia senza la quale il suo Piuma avrebbe imboccato immediatamente la via dell’oblio: questo perché, al di là delle supponenti frasi di lancio – “il film più leggero dell’anno”, nientemeno -, del martellante tam tam mediatico e dei ridicoli piagnistei contro “lo snobismo di certa critica” all’indomani delle proiezioni stampa, c’è effettivamente il nulla, o quantomeno l’assenza di qualunque parametro contenutistico ed estetico su cui spendere due parole.

Piuma_2

Non molto diversamente dal Muccino del coevo L’estate addosso, Johnson confonde la naturalezza con la sciatteria e la disinvoltura
con la superficialità, disseminando il suo canovaccio sul preludio alla genitorialità adolescenziale – che più che a un Juno all’amatriciana fa pensare a un parziale remake di Per gioco e per amore di Avildsen – di vieti e abusati stereotipi, dall’immaturità e dall’egoismo delle figure materne e paterne (l’inguaribile bamboccione di Francesco Colella e il frustrato cosmico di Sergio Pierattini) alla caricaturalità dei personaggi di contorno (dal nonno sclerotico e complice di Bruno Sgueglia alla sciroccata fisioterapista cannettara di Francesca Turrini), fino a una coppia di telegenicissimi protagonisti già pronta per il piccolo schermo (il pressoché esordiente Luigi Fedele e la Blu Yoshimi di Caos Calmo) che snocciola perle di saggezza, preferibilmente in voice-over, degne delle immaginette per quarantenni su Facebook, il tutto con la ferma convinzione di offrire uno spaccato originale e anticonformista su un Paese a metà fra crisi ed evasione.

Col risultato, però, sempre in nome di un’ostentata spensieratezza, di perdere qualsiasi nesso con la realtà e di negare ogni tipo di coinvolgimento, sciogliendo interi nodi narrativi, conflitti e difficoltà – non troppi, per carità, ché, a detta di Johnson, “c’è bisogno di leggerezza” – con la caciara (gli incontri tra i futuri consuoceri) o con la smanceria (l’mp3 risolutivo che assicura un epilogo tutto tarallucci e vino), adottando costantemente le soluzioni più confortanti con la facile scappatoia programmatica di cui dicevamo in apertura, e la ragion d’essere di un’operina come Piuma sta tutta lì, nella compiacenza che si fa cifra stilistica e motore unico delle situazioni, al punto tale da rendere completamente superflua la forma, appiattita al livello della fiction più tirata via e irricevibile quando tenta goffamente di distaccarvisi, come nelle abominevoli digressioni surreali con i due ragazzi a nuoto per le strade di Roma e nell’ecografia o nell’aneddoto sulle paperelle di gomma.

Perché l’autore di Fino a qui tutto bene, per quanto indefessamente ci provi, non è il Paolo Virzì genuinamente naif della prima ora e Piuma non è il suo Ovosodo, ma soltanto un cinico esperimento a tavolino in cui ogni apparente ingenuità è frutto di un calcolo preciso che ottiene il solo effetto di ritorcerglisi contro e che va ben oltre il film in sé, a cominciare dalla sua “irriverente” inclusione in Concorso (anzi, verrebbe da dire contro Concorso) all’ultima Mostra di Venezia, che poi è l’unico motivo per cui la pellicola ha ottenuto i suoi quindici minuti di visibilità e siamo ancora qui a parlarne.

C’è una differenza sostanziale, insomma, fra la levità e l’inconsistenza, e l’esempio, solo per citare le uscite di questa stagione, di Tutti vogliono qualcosa di Linklater e di Microbo & Gasolina di Gondry ci ricorda che il piacere di essere frivoli non corrisponde necessariamente a scadere nel becero e a sacrificare tutto sull’altare del divertimento a tutti i costi, e in questo senso Piuma nulla aggiunge e nulla toglie a una delle poche certezze che abbiamo entrando e uscendo dalla sala, e cioè che, con questi modelli, con quest’attitudine e con queste maestranze, il nostro cinema “medio” è destinato a non rinascere mai.

Voto 3

Share

Comments

About author

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 34 = 40

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi