A Venezia74 Arianna, il corto di David Ambrosini

Di Carolina Tocci
Share
 Arianna-Andrea-Garofalo

 

Secondo alcuni dati raccolti negli Stati Uniti in una ricerca condotta da American Foundation for Suicide Prevention e dal Williams Institute, UCLA School of Law, il tasso dei tentati suicidi della popolazione transessuale è pari al 44%. Fra questi, il 53% ha dichiarato di averlo fatto dopo aver visto respinta la propria candidatura di lavoro. È questo il tema attorno al quale si sviluppa Arianna, cortometraggio diretto da David Ambrosini che sarà presentato domenica 3 settembre come Evento Speciale all’interno della 74° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (30 agosto – 9 settembre) Arianna di David Ambrosini, cortometraggio, realizzato da una troupe di under 35 e ispirato a una storia vera che porta sul grande schermo “un’ordinaria” vicenda di discriminazione lavorativa nei confronti dei transessuali. Il fenomeno è diffuso ma ancora poco noto: secondo una ricerca dell’Arcigay, infatti, il 45% delle persone transessuali ha visto respinta la propria candidatura per un posto di lavoro a causa della propria identità sessuale.

“Arianna” Trailer (English sub) from La Strada associazione culturale on Vimeo.



Arianna è lo spaccato di quello che la nostra società è ormai divenuta – ha detto il regista David Ambrosini – Arianna è una giovane che non trova lavoro per via di un sistema ormai non più meritocratico e incarna chiunque non trovi posto nella società perché ha scelto di essere se stesso invece di omologarsi all’etichetta che gli è stata assegnata. Arianna rappresenta i sogni e le speranze di una generazione che vanno a sbattere rovinosamente contro i pregiudizi e le ‘poltrone’ delle passate generazioni”.

Per una volta nella vita ho potuto apprezzare qualcosa che entra nella realtà e non si limita a ‘scimmiottarla’, niente ovattature, niente sconti, nessuno zuccherino ma solo la storia di una persona trans MTF (male to female) come è nel mondo reale – sottolinea Francesca Busdraghi, la cui vicenda ha ispirato il cortometraggio – Guardandolo vedo me stessa nel corso di questi dieci anni, con tutte le delusioni e le porte chiuse in faccia, i rifiuti ed i pregiudizi che ho vissuto su me stessa”.

 

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

7 + 3 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi