Addio al regista giapponese Isao Takahata

Di Carolina Tocci
Share

Isao-Takahata-1

Isao Takahata, leggenda dell’animazione giapponese e mondiale, storico collaboratore di Miyazaki e regista di alcuni dei grandi capolavori dello Studio Ghibli, si è spento all’età di 82 anni in un ospedale di Tokyo.

Le sue storie erano viaggi sentimentali, opere in cui la fantasia e la creatività erano al servizio di un messaggio dal portato emozionale sempre forte e ben delineato.



Nato nel 1935, Takahata si era appassionato al cinema durante gli anni dell’università e, a differenza di Miyazaki, non è mai stato un disegnatore, ma si è fin da subito affermato come regista. I due si conoscono alla Toei Animation dando inizio a un sodalizio artistico che sarebbe durato anni. Negli anni Settanta Takahata partecipa all’adattamento per la televisione di molti romanzi per ragazzi diventati cult tra gli anime anche in Italia, come Heidi e Anna dai capelli rossi.

Nel 1985, dopo il grande successo di Nausicaa della valle del vento, Takahata e Miyazaki fondano insieme lo Studio Ghibli realizzando il loro sogno di poter gestire il proprio studio di animazione. Il primo lungometraggio diretto da Takahata per lo Studio Ghibli, che è rimasta nel tempo la sua opera più conosciuta e più apprezzata, è Una tomba per le lucciole (1988). Ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale, il film racconta l’epopea di un ragazzino e di sua sorella, costretti a vagare tra le rovine di ciò che è rimasto del Giappone dopo i distruttivi attacchi americani.

Seguirono Pioggia di ricordi (1991), Pom Poko (1994) e I miei vicini Yamada (1999). L’ultimo film da regista diretto da Takahata è stato La principessa splendente, nominato all’Oscar come Miglior film d’animazione nel 2015 (ma l’Academy preferì premiare il disneyano Big Hero 6). Tra i suoi ultimi progetti, il film francese La tartaruga rossa di Michaël Dudok de Wit, film d’animazione per adulti creato in collaborazione con lo Studio Ghibli.

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

83 + = 92

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi