Marcello! Come here!

Di Carolina Tocci
Share

Marcello_Fonte

Era emozionatissimo sul palco di Cannes sabato sera Marcello Fonte, accanto alla giurata Khadjia Nin e a Roberto Benigni che gli hanno consegnato il premio come miglior attore per Dogman. Lo smoking che indossava, seppur abbondante, sembrava contenere a stento la felicità di questo piccolo, grande uomo. Sorrideva a tutti, incredulo, mentre ringraziava il “suo” regista, “che ha avuto il coraggio di sceglierlo“.

Marcello_Fonte



Musicista, performer e scultore, classe 1979, Marcello Fonte è nato a Melito di Porto Salvo e cresciuto ad Archi, vicino Reggio Calabria, si è trasferito a Roma nei primi anni Novanta spinto dal fratello scenografo e ha alle spalle una discreta gavetta fatta di piccole parti al cinema e in tv. Il debutto avviene a teatro, negli spettacoli della compagnia Arconte in Calabria nel 1997. Matteo Garrone lo scopre per caso, grazie a una sostituzione dell’ultimo minuto al teatro Forte Apache di Roma, dove lavorava come custode.

LA RECENSIONE DI DOGMAN

Il debutto sul grande schermo avviene nel 2000, con Apri gli occhi e… sogna di Rosario Errico. Seguono collaborazioni in ruoli marginali con grandi registi: da Scola, a Soavi, passando per Scorsese (è in Gangs of New York) e Alice Rohrwacher, sua compagna di premi a Cannes, che nel 2011 lo ha diretto in Corpo Celeste.

Dogman

Nel 2015 Marcello Fonte scrive e dirige insieme a Paolo Tripodi Asino vola, film presentato al Locarno nel 2015 mentre in tv recita in Don Matteo e in La mafia uccide solo d’estate. Nel 2018, è in Io sono tempesta di Daniele Luchetti, al fianco di Marco Giallini, e nel ruolo che lo ha consacrato come la nuova maschera del cinema italiano nei panni di quel protagonista dolente e sfortunato di quella cruda e bellissima storia di riscatto che è Dogman. Il suo volto ricorda un po’ quello di Peter Lorre, anche se più scavato e segnato e bisogna dar merito a Garrone di aver saputo titrare fuori da quella faccia tutta la derelizione e il desiderio di riscatto che il personaggio del “canaro” richiedeva.

Ora che per Marcello le porte del cinema sembrano essersi definitivamente spalancate rimane da chiedersi se continuerà a vivere e a fare il custode del Nuovo Cinema Palazzo, nel quartiere romano di San Lorenzo.

 

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

3 + 1 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi