Frost/Nixon: il duello

Di
Share



Un Ron Howard che non ci si aspetta, quello che ha diretto Frost/Nixon. Per alcuni versi, il film ricorda il suo (ottimo) Edtv, anno 1999, che pur essendo una commedia indagava impietoso su certi meccanismi della TV. E così accade in questa pellicola, tutta incentrata sul duello di fronte alle telcamere tra David Frost, ambizioso showman inglese, e un Richard Nixon dimessosi da poco da presidente degli USA. Pur di riabilitarsi di fronte all’opinione pubblica e guadagnare il più possibile, Nixon accetta di essere intervistato dal migliore offerente, che pure non è un giornalista.

La parte migliore del film è quella che precede il momento dell’intervista. Vengono indagate le psicologie dei personaggi e soprattutto quella di Nixon, le cui emozioni vengono portate su schermo da un bravissimo Frank Langella. In alcuni punti Howard cede a soluzioni hollywoodiane scontate, tuttavia utili a dare ritmo alla storia.

Frost/Nixon è un lavoro molto interessante sul potere del giornalismo spettacolo, e per questo si rivela estremamente attuale. Sicuramente uno dei lavori più coraggiosi di Ron Howard, con una meritata candidatura all’Oscar come miglior film.

Voto 8

Share

Comments

About author

Francesco Bernacchio

Appassionato di pop a trecentosessanta gradi, ama il cinema d'evasione, l'animazione e i film che non durino più di due ore.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 36 = 37

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi