Aspettando il sole

Di
Share


Una notte del 1982, all’interno di un ipotetico hotel su un’ipotetica stradale. Da qualche parte, in Italia.
All’hotel Bellevue, tutto accade in una notte. Nonostante il nome, non c’è alcun panorama da vedere ma al suo interno si muove un mondo. Il mondo dei disadattati, dei piccoli criminali, delle prostitute, degli attori di film hard e dei portieri di notte.

Veloce e dinamico (Panini viene dalla pubblicità e qui è al suo primo lungometraggio), Aspettando il sole riporta i film di genere nelle nostre sale, raccontando situazioni grottesche ai limiti del surreale, ma non per questo poco credibili. Il cast si amalgama all’intenzionale coralità su cui punta la sceneggiatura; tutti molto bravi, anche se a noi Claudio Santamaria è piaciuto in modo particolare, almeno quanto Giuseppe Cederna (il portiere dell’hotel).



Un piccolo, grande caso cinematografico che mostra le potenzialità inespresse del nostro cinema, troppo spesso ingabbiato in commedie qualunquiste e stereotipate.

Voto 7

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

5 + 4 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi