David di Donatello 2016: i vincitori

Di Carolina Tocci
Share

David_2016

Si è appena conclusa la 60° edizione dei premi dell’Accademia del Cinema Italiano, ovvero i David di Donatello. Per la prima volta, dopo anni alla RAI, i David sono passati sotto la giurisdizione di Sky i cui vertici hanno deciso di emulare in tutto e per tutto il format degli Academy Awards. Scelta che è risultata decisamente vincente e che ha svecchiato il premio più importante del il nostro cinema, donandogli nuova linfa e, soprattutto, una nuova audience.

Luca_Marinelli_David_2016

Luca Marinelli

Bravo Alessandro Cattelan che ha condotto la serata con molta grinta e poche lungaggini.



Paolo_Genovese_David_2016

Paolo Genovese

Tra i film più premiati, Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti e Il racconto dei racconti di Matteo Garrone, anche se il David al Miglior Film è andato a Perfetti sconosciuti, di Paolo Genovese, pellicola che si è aggiudicata anche il riconoscimento per la Migliore sceneggiatura.

Valerio_Mastandrea

Prima della cerimonia molti dei protagonisti della serata hanno sfilato sul tappeto rosso che ha preceduto la premiazione con l’adesivo Verità per Giulio Regeni.

Ecco tutti i vincitori dei David di Donatello 2016

 

MIGLIOR FILM: PERFETTI SCONOSCIUTI di Paolo Genovese

– MIGLIORE REGISTA: Il Racconto dei Racconti (Matteo GARRONE)

– MIGLIORE REGISTA ESORDIENTE: Lo chiamavano Jeeg Robot (Gabriele MAINETTI)

– MIGLIORE ATTORE PROTAGONISTA: Lo chiamavano Jeeg Robot (Claudio SANTAMARIA)

– MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA: Lo chiamavano Jeeg Robot (Ilenia PASTORELLI)

– MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA: Lo chiamavano Jeeg Robot (Luca MARINELLI)

– MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA: Lo chiamavano Jeeg Robot (Antonia TRUPPO)

– MIGLIORE SCENEGGIATURA: Perfetti Sconosciuti (Filippo BOLOGNA, Paolo COSTELLA, Paolo GENOVESE, Paola MAMMINI, Rolando RAVELLO)

– MIGLIORE PRODUTTORE: Lo chiamavano Jeeg Robot (Gabriele MAINETTI per Goon Films, Rai Cinema)

– MIGLIORE FOTOGRAFIA: Il racconto dei racconti (Peter SUSCHITZKY)

– MIGLIORE SCENOGRAFIA – Il Racconto dei racconti (Dimitri CAPUANI, Alessia ANFUSO)

– MIGLIORI COSTUMI: Il racconto dei racconti (Massimo CANTINI PARRINI)

– MIGLIOR TRUCCO: Il racconto dei racconti (Gino TAMAGNINI)

– MIGLIOR MONTAGGIO: Lo chiamavano Jeeg Robot (Andrea MAGUOLO con la collaborazione di Federico CONFORTI)

– MIGLIORE CANZONE ORIGINALE: Youth – La giovinezza  “SIMPLE SONG #3” (musica e testi di David LANG interpretata da Sumi JO)

– MIGLIORE MUSICISTA: Youth – La giovinezza (David LANG)

– MIGLIORI ACCONCIATURE: Il racconto dei racconti (Francesco PEGORETTI)

– MIGLIORI EFFETTI DIGITALI:  Il racconto dei racconti (Makinarium)

– MIGLIOR SUONO IN PRESA DIRETTA: Non essere cattivo (Angelo BONANNI)

– MIGLIOR DOCUMENTARIO DI LUNGOMETRAGGIO: S IS FOR STANLEY (Alex INFASCELLI)

– MIGLIOR CORTOMETRAGGIO: BELLISSIMA di Alessandro Capitani

– DAVID GIOVANI: LA CORRISPONDENZA di Giuseppe Tornatore

 

 

 

 

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 44 = 51

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi