Parnassus: l’uomo che voleva ingannare il diavolo

Di
Share



Dpo il mediocre I fratelli Grimm e l’incantevole strega, Terry Gilliam sembra essere tornato nel migliore dei suoi mondi immaginifici. E nonostante Parnassus abbia avuto una lavorazione complessa e drammaticamente segnata dalla morte di Heath Ledger, Gilliam non si è arreso e ce l’ha messa davvero tutta per portare a termine questo ambizioso progetto.

Il Dottor Parnassus (Christopher Plummer) gira per le strade con il suo carrozzone. Con lui, un giovane attore, sua figlia Valentina (Lily Cole) e un nano. Mettono in scena sempre lo stesso spettacolo il cui fulcro è rappresentato da uno specchio: chi lo oltrepassa si trova in un altro mondo, in cui i desideri prendono corpo. Il vecchio Parnassus si è conquistato il suo essere immortale grazie a una scommessa vinta con il Diavolo. Sono trascorsi ormai secoli e, nel momento in cui ha trovato il vero amore, il Dottore ha stipulato un nuovo patto con lui: ma in ballo questa volta c’è Valentina.

Alla fine Gilliam ha realizzato uno dei suoi film più personali, che ha una concezione del tempo e dello spazio del tutto propria. Tony, il personaggio interpretato prima da Ledger e poi dai tre attori che hanno contribuito a terminare le riprese (Johnny Depp, Jude Law e Colin Farrell), è il catalizzatore degli sguardi del pubblico. E lo sa. Gioca con i dialetti, si nasconde dietro una maschera, seduce e affascina con la sua arte istrionica, fino a straniarsi, a scomparire, per diventare altro da sé.

La creatività e la cultura figurativa di Gilliam raggiungono dei livelli altissimi in questo film, con trovate esilaranti, soluzioni mai banali e una sceneggiatura che, nonostante sia stata cambiata in corso d’opera, regge bene il colpo. Parnassus: l’uomo che voleva ingannare il diavolo non è per tutti, ma tutti dovrebbero vederlo. Per capire come avere uno specchio magico, la capacità di raccontare storie e la fantasia immacolata di un bambino, possa salvare le sorti di un film.

Voto 7

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

1 Comment

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

60 + = 68

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi