Jesse James gioca a fare il nazista

Di Carolina Tocci
Share

Evidentemente lui e Michelle Bombshell McGee, oltre ai tatuaggi, hanno anche questo in comune. Il cappello che James indossa in questa foto è lo stesso che era poggiato sulla testolina dalla sua prima amante durante una seduta fotograica. Questa foto, diffusa da un servizio apparso su Inside Edition è stata scattata nel 2004, quando Jesse e Sandra Bullock erano ancora fidanzati. Immediatamente dopo che lo show è andato in onda, è arrivata puntuale la testimonianza di una misteriosa fonte vicina al motociclista tatuato più celebre di Hollywood, secondo la quale James avrebbe posato in queste vesti, solo per il gusto di stupire.

In ogni modo, come era prevedibile, Jesse James ha deciso di farsi ricoverare in una clinica specializzata nel trattamento della dipendenza sessuale (sembra che si tratti della stessa struttura in cui è stato il golfista Tiger Woods), in Arizona. Sul fronte Sandra Bullock, invece, non è arrivata ancora nessuna conferma o smentita ufficiale, sulla sua presunta gravidanza, ma alcuni tabloid la danno ormai per certa.



Sandra, attrice in carriera quarantenne e senza figli, si era affezionata così tanto a quelli di James, avuti dalla sua prima moglie, la pornostar Janine Lindemulder – in posa plastica, qui sopra – (e anche da questo, forse la Bullock avrebbe dovuto aspettarsi qualcosa…) da andare a vivere in una casa accanto a quella della donna. In particolare, Sandra è particolarmente legata a Sunny, la bimba di sei anni che ha vissuto con lei è Jesse dopo che la madre naturale è finita in un centro di reinserimento sociale per aver evaso il fisco. Insomma, per l’attrice è davvero un periodo nero, e il sorriso che ha sfoderato al momento del ritiro dell’Oscar, circa venti giorni fa, sembra davvero troppo lontano.

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

38 + = 39

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi