Un’altra registrazione incastra Gibson

Di Carolina Tocci
Share

Un file audio ancora più agghiacciante di quello che abbiamo postato qualche giorno fa ci fa sentire un Mel Gibson completamente fuori di testa. Ben otto minuti in cui l’attore e regista aggredisce verbalmente e minaccia la sua ex compagna Oksana. In sostanza, Lei lo accusa di averla picchiata in precedenza e lui conferma tutto, aggiungendo: “Te lo sei meritato! Ti metto in un giardino di rose, hai capito? Guarda che ne sono capace!”. E poi ancora: “Tu avresti bisogno di una bastonata in testa”.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=1GqYQfBlK-g&feature=related[/youtube]



La cosa sconvolgente è che Gibson è davvero fuori di sé mentre è al telefono, respira in modo affannato e in più di un’occasione sembra che stia per sentirsi male. Accusa inoltre Oksana di essere un’egoista, ricordandole che lui ha lasciato sua moglie per stare con lei. Inutile dire che i “fuck” si sprecano (all’inizio abbiamo provato a contarli, poi ci abbiamo rinunciato), e che Mel questa volta ha davvero esagerato. Già corre voce che  la sua  agenzia di management, la Morris Endeavor Entretainment (WME), abbia preferito scaricarlo, in seguito a questi exploit di rabbia. Ma probabilmente è solo l’inizio perché oltre alla carriera, il divo rischia di finire dietro le sbarre. Il portavoce di Gibson, Alan Nierob, si è rifiutato di rilasciare commenti sulla registrazione, mentre l’ufficio dello sceriffo della contea di Los Angeles ha confermato che questo nastro sarà utilizzato come prova nelle indagini sulle accuse di violenza domestica. Che brutta storia…

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

36 + = 39

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi