I vincitori del 66° Festival di Cannes

Di Carolina Tocci
Share

Lea Seydoux, Abdellatif Kechiche e Adele Exarchopoulos

Si è svolta questa sera la cerimonia di premiazione del Festival di Cannes. A vincere la palma d’oro, il riconoscimento più ambito, è stato La Vie d’Adele – Chapitre 1 & 2, storia d’amore omosessuale con protagoniste Léa Seydoux e Adèle Exarchopoulos. A ritirare il premio le due attrici, assieme al regista tunisino Abdellatif Kechiche (Cous cous).

Forest Whitaker, Orlando Bloom, Ang Lee, Audrey Tautou, e Steven Spielberg alla cerimonia di chiusura del 66° Festival di Cannes

Il presidente Steven Spielberg e la sua giuria, (nella quale figuravano tra gli altri Nicole Kidman, Ang Lee e Lynne Ramsay), hanno poi assegnato il Premio della giuria al commovente Like Father, Like Son di Hirokazu, mentre il premio alla regia è andato ad Amat Escalante  (nella foto in basso)per Heli. Miglior attore Bruce Dern, protagonista del film di Alexander Payne Nebraska, migliore interpretazione femminile a Bérénice Bejo per Le passé di Asgar Farhadi.

Berenice Bejo



A Inside Llevin Davis dei Fratelli Coen, invece è andato il Grand Prix. Nessun premio a La grande bellezza di Paolo Sorrentino, unico italiano in concorso, ma ci consoliamo con la menzione speciale per il miglior cortometraggio, andata a 37/o 4S di Adriano Valerio. Di seguito l’elenco dei premiati, ma solo dopo le foto della giurata Nicole Kidman con un look total white per l’ultima serata a Cannes.

I PREMIATI

Palma d’oro – La Vie  D’Adele di Abdellatif Kechiche

Gran Prix – Inside Llewyn Davis di Ethan e Joel Coen

Pemio alla regia – Amat Escalante per Heli

Premio della giuria – Like Father, Like Son di Kore-Eda Hirokazu

Miglior attore – Bruce Dern per  Nebraska di Alexander Payne

Migliore attrice – Bérénice Bejo per Le Passé di Asghar Farhadi

Miglior sceneggiatura – Jia Zhangke per Tian Zhu Ding (A Touch Of Sin)

Palma d’oro al miglior cortometraggio: Safe di Moom Byoung-gon

Menzione speciale al cortometraggio: Hvalfjordur (Whale Valley / Le Fjord des Baleines) di
Gudmundur Arnar Gudmundsson

Camera d’Or: Ilo Ilo di Anthony CHEN (Quinzaine des Réalisateurs)

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 65 = 72

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi