Matthew McConaughey presenta Dallas Buyers Club a Roma

Di Carolina Tocci
Share

QUI la recensione di Dallas Buyers Club

Arriva il 30 gennaio nelle sale, distribuito da Good Films in 150 copie Dallas Buyers Club, il film diretto da Jean-Marc Vallée presentato a novembre al Festival di Roma alla presenza del co-protagonista Jared Leto. Già vincitrice di due Golden Globe e candidata a sei premi Oscar, la pellicola ha un protagonista d’eccezione, il camaleontico Matthew McConaughey, ex re delle commediole romantiche di Hollywood che recentemente ha dato una svolta alla sua carriera accettando ruoli meno faciloni e più graffianti come quello di Joe Cooper, il poliziotto corrotto e killer professionista nel film di William Friedkin, lo spogliarellista Dallas del Magic Mike firmato da Steven Soderbergh e non ultimo il suo cameo di cinque minuti in una delle scene più divertenti di The Wolf of Wall Street di Scorsese.



Ma oggi Matthew McConaughey è venuto  Roma (con lui anche Ginevra e Lapo Elkann, rispettivamente Presidente e Consigliere della Good Films ) per parlare forse del più importante dei personaggi che ha interpretato fino ad oggi, quello che lo ha meritatamente portato dritto verso la cinquina dei protagonisti da Oscar: l’elettricista texano Ron Woodroof. Scopertosi sieropositivo, siamo nel 1986, inizia a curarsi seguendo un corso di medicina alternativa dove incontra Rayon (Leto), un transessuale anche lui malato. A Ron vengono dati solo trenta giorni di vita, ma non si rassegna e decide di recarsi in Messico in cerca di farmaci alternativi a quelli proposti allora dalle case farmaceutiche, che poi inizierà a contrabbandare in tutto il Texas, regalando una speranza in più a chi era stato colpito dalla sua stessa malattia.

La sala conferenze di un noto hotel di via Veneto è stracolma di giornalisti, accorsi per l’occasione. Quando Matthew McConaughey inizia a rispondere alle domande, riconosciamo il suo accento: la sua voce ormai ha un tono familiare. Camicia nera e un po’ di abbronzatura lo fanno sembrare un’altra persona rispetto al suo Ron Woodroof, per interpretare il quale l’attore ha dovuto perdere oltre venti chili. Sembra essere ben consapevole di quello che sa e può fare, il quarantaquattrenne Matthew, e non nega di aver dovuto lavorare sodo e operato scelte non facili per arrivare ad un punto in cui può definirsi soddisfatto  della sua carriera professionale.

Quale è stata la parte più difficile nella realizzazione di Dallas Buyers Club?

Con il ruolo di Ron Woodroof sei candidato all’Oscar insieme al tuo collega DiCaprio con cui ha recitato in The Wolf of Wall Street

La tua carriera negli ultimi anni ha subìto una brusca virata. Come mai hai compiuto la scelta di abbandonare le commedie per dedicarti a film, e anche a personaggi, più indipendenti?

Grazie a Eugenio Boiano
(www.eugenioboiano.com)

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

4 + 6 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi