Sorrentino goes to Hollywood

Di Carolina Tocci
Share

Sapete tutti che ieri notte a Los Angeles, durante l’86° Notte degli Oscar, La grande bellezza di Paolo Sorrentino è stato premiato con il riconoscimento al Miglir Film Straniero. Lo sapete anche se non ve ne importava niente, perché quando un film italiano vince un Oscar è un po’ come se vincesse i mondiali di calcio: tutti devono sapere, ad ogni costo. E forse è giusto che sia così. Già prima dell’assegnazione, giornali e telegiornali non parlavano d’altro. Non degli Oscar, ma del fatto che quest’anno, in corsa per la statuetta, ci fosse un cavallo italiano, trlasciando tutto il resto. E oggi, a cose fatte, la situazione non è cambiata: tutti i pezzi usciti su quotidiani nazionali, nel titolo, hanno un richiamo a La grande bellezza. Corriere della Sera: “È Grande Bellezza a Hollywood Paolo Sorrentino vince l’Oscar“; Repubblica: “Oscar, trionfo Italia: vince La grande bellezza Sorrentino ringrazia Fellini e Maradona“; La Stampa: “La grande bellezza trionfa agli Oscar. Sorrentino ringrazia Fellini e Maradona“; Il Fatto Quotidiano: “Oscar 2014, La Grande Bellezza trionfa. Sorrentino come Fellini 50 anni dopo“. E questi sono solo alcuni. Non che ci sia nulla di male nel salutare un trionfo italiano, soprattutto in un momento difficile come quello che attraversiamo, come paese e come popolo. Ma c’è un aspetto molto irritante in questa esplosione di gioia a tutto tondo che i media ci incitano a provare ineluttabilmente e che sta rimbalzando da un capo all’altro del mondo: il discorso che Paolo Sorrentino ha rivolto alla platea del Dolby Theatre, il cosiddetto “acceptance speech” che i vincitori sono invitati a pronunciare.

E al regista partenopeo è andata anche male, perché ieri sera di discorsi toccanti ce ne sono stati diversi, da quello singhiozzato da un’emozionatissima Lupita Nyong’o è a quello più consapevole ma non meno commovente di Jared Leto, per non parlare dei ringraziamenti pronuciati da Cate Blanchett o da MatthewMcConaughey. Insomma, non la solita pappa preparata sul genere: “ringrazio la mia famiglia, gli amici e tutti i colleghi”. C’era del contenuto in quello che hanno detto, c’era professionalità, cognizione della propria condizione di artisti che si trovano su quel palco per aver contribuito a dar vita a qualcosa di bello, che fosse un’interpretazione, una sceneggiatura,  dei costumi o degli effetti speciali.



Dopo un Golden Globe vinto più di un mese fa, i vari altri riconoscimenti internazionali recentemente ottenuti da La grande bellezza e un Oscar che per i media già troneggiava sul caminetto di casa Sorrentino da giorni, ci aspettavamo che due parole di inglese il regista riuscisse a pronunciarle. E invece il suo discorso, oltre a non essere stato particolarmente originale o significativo, sembrava quello di un bambino delle elementari, sia per contenuti che per conoscenza della lingua. Ma come, il tuo film è tra i cinque finalisti candidati all’Oscar e sai anche che probabilmente, quel premio, te lo porterai a casa, ma perché non dedicare un po’ di tempo a buttar giù due righe un pizzico più sentite di quel “tenchiu tu mai sorses of ispiréscion Federico Fellini, Martin Scorsese, Talking Heads e Diego Armando Maradona“?

Non siamo più negli anni Sessanta e un italiano che va a ritirare un Oscar e che fa un simile discorso, non è più buffo, né tantomeno divertente. Solo ridicolo. E non venitemi a dire che è stata l’emozione, perché Sorrentino non era emozionato, anzi: per essere uno che andava a ritirare un Oscar era fin troppo sereno. Ma soprattutto, vi siete chiesti come mai tutti gli stranieri che ieri sera si sono avvicendati sul palco dell’Academy (messicani, kenyoti, francesi… ) parlavano un inglese nettamente migliore di quello sfoderato dal regista napoletano?

E poi c’è l’aspetto peggiore: il pubblico, sia quello italiano che quello internazionale, che continua a giustificare simili atteggiamenti. Un po’ come dire che tanto, da un italiano, mica ti puoi aspettare un discorso in inglese complesso e articolato. Insomma spaghetti, pizza, mandolino, la new entry Maradona e ogni tanto un film che valica i confini nazionali, metre il suo autore, almeno in questo caso, pare abbia tutta l’intenzione di rimanere con i piedi ben incementati nel Belpaese. E forse a spiccare il volo, non ci pensa affatto. Così quel “tenchiu tu mai sorses of ispiréscion” e bla bla bla, non può che essere  l’emblema di una società raffazzonata e decadente, una società non poi così diversa dalla Roma appassita in cui Jep Gambardella è re.

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 46 = 52

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi