Woody Allen: aspettando Café Society, i film da riscoprire

Di Redazione
Share

Woody_Allen

Pochi giorni fa la notizia che il suo 46° film da regista, Café Society, avrebbe aperto la 69° edizione del Festival di Cannes. In attesa di conoscere i primi giudizi di pubblico e critica sulla pellicola con Kristen Stewart e Jesse Eisenberg che sarà proiettata Fuori concorso mercoledì 11 maggio al Grand Théâtre Lumière, la redazione di Movielicious si è messa a pensare ai film di Woody Allen meno conosciuti che, per un motivo o per un altro, meritano di essere riscoperti. Pistola alla tempia: un solo titolo per redattore e 1.000 battute a disposizione. Here we go!

 



INTERIORS (1978) di Carolina Tocci

Interiors

Una delle pellicole meno apprezzata e conosciute di Woody Allen, in parte penalizzata per aver visto la luce tra due eccellenze quali Io e Annie e Manhattan è sicuramente Interiors. Accolto freddamente da pubblico e critica quando uscì, il primo film drammatico del regista newyorchese richiama Bergman per tematiche ed atmosfere e si impone come austero e impietoso ritratto familiare incentrato su tematiche cupe ed esistenziali. Allen vi analizza le tensioni, i rancori e i sentimenti repressi tra le sorelle Flyn (K. Griffith), Joey (M. Hurt) e Renata (D. Keaton), che riaffiorano quando la madre Eve (G. Page) viene abbandonata del marito (E.G. Marshall). Le atmosfere eleganti e al tempo stesso gelide e l’aura intellettuale e asettica che pervade i dialoghi rendono Interiors un’opera austera sia narrativamente che visivamente, grazie anche a una regia distaccata che trova nei lunghi piani sequenza e nei personaggi spesso ripresi di spalle o addirittura fuori campo, il modo più corretto per esprimerne l’inadeguatezza. Da riscoprire.

 

BROADWAY DANNY ROSE (1984) di Fabio Giusti

Broadway_Danny_Rose

Incastonato temporalmente tra il capolavoro sperimentale Zelig e il gioiellino metacinematografico La rosa purpurea del Cairo, Broadway Danny Rose corre il serio rischio di passare inosservato ancora oggi, a più di trent’anni dalla sua uscita in sala.
Ed è un peccato perché la storia di questo sfortunatissimo manager di artisti del tutto privi di talento (xilofonisti ciechi, ventriloqui balbuzienti e crooner falliti con problemi di alcol) è la quintessenza dell’Allen che non si può fare a meno di amare.
Esaurita infatti la lugubre fascinazione per Bergman (Interiors) e Fellini (Stardust Memories), in questo film Woody Allen non solo riscopre la sua vena più leggera, ma opera una mirabile sintesi tra le sue due anime: quella più votata alla comicità tout court e la malinconica introspezione che, da Manhattan in poi, è stata cifra distintiva di tutto il suo cinema.
Illuminato dal magnifico bianco e nero di Gordon Willis, Broadway Danny Rose è un’elegia di New York – l’ennesima – tutta racchiusa in un flashback e un film molto più complesso di quanto la patina ridanciana possa far pensare. Oltre ad essere il più caustico dei dietro le quinte dello showbiz mai scritti da Allen.

 

OMBRE E NEBBIA (1992) di Andrea Bosco

Ombre_e_Nebbia

Se La rosa purpurea del Cairo transustanziava il rifugio nell’arte e nella fantasia nell’atmosfera da sogno della Hollywood della Golden Age, Allen compie la medesima operazione sei anni più tardi nell’incubo assurdo e distorto di una fantomatica Mitteleuropa a ridosso degli imminenti regimi, calando il tutto in un opprimente clima espressionista fra Brecht, Pabst e Kafka in cui dominano indeterminatezza e persecuzione (Le armonie di Werckmeister, in fondo, viene da qui). Ombre e Nebbia, oltre a essere con ogni probabilità l’apice della sua ricerca formale (fondamentale il contributo di Carlo Di Palma e di Santo Loquasto), è l’opera con cui, dopo decenni di freddure, Allen fa apertamente i conti con l’Olocausto, inaugurando, lungo una Kristallnacht livida e paradossale fatta di piccoli uomini (il suo Kleinman) e strangolatori, la sua riflessione sulla necessità della magia, e quindi dell’illusione, per rispondere al vuoto del quotidiano. Un capolavoro imprescindibile e compendiario.

 

 

Share

Comments

About author

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

2 + 7 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi