Into the Inferno

Di Carolina Tocci
Share

Scheda
(Id., Austra, UK 2016)
Regia: Werner Herzog
Con: Werner Herzog, Clive Oppenheimer, Tim White
Durata: 1 ora e 44 minuti

intotheinferno_01

In oltre quarant’anni di attività e con una sessantina di film al suo attivo, Werner Herzog ci ha regalato immagini rare e preziose raccolte durante i suoi viaggi in ogni parte del mondo. Questa volta il poeta dell’estremo ci porta a guardare fin dentro le bocche infuocate della Terra. Con lui c’è il brillante vulcanologo inglese Clive Oppenheimer, autore del libro da cui Into the Inferno è tratto (Eruptions that Shook the World), oggi anche amico del regista di Grizzly Man e Fitzcarraldo, conosciuto nel 2007 mentre Herzog era in Antartide a girare Encounters at the End of the World.



Into_the_Inferno_2

Dato che parliamo pur sempre di un film di Herzog, non c’è da aspettarsi un prodotto à la National Geographic. Il regista tedesco i cui documentari hanno la peculiarità di svilupparsi non solo visivamente ma anche narrativamente (fortissima anche in Into the Inferno è l’esigenza del racconto assolta dallo stesso regista che, con il suo inconfondibile accento teutonico, ci accompagna come voce narrante) sembra infatti molto più interessato all’aspetto sociologico e divino legato ai vulcani, che non a quello prettamente geologico. Le credenze degli uomini che vivono alle loro pendici, il vincolo e la fascinazione che le popolazioni autoctone sviluppano con la montagna sputafuoco che sovrasta i loro villaggi: è questo che affascina Herzog, oltre all’egoismo minaccioso di questi noncuranti serbatoi di lava a cui non importa di niente e di nessuno e solo desiderosi di esplodere in tutta la loro spettacolare grandiosità.

Dal monte Erebus in Antartide passando per l’Indonesia e l’Etiopia, Into the Inferno è sì un viaggio estremo e tra i vulcani attivi del mondo, ma diventa pian piano anche uno specchio pronto a riflettere livelli di realtà lontanissimi da noi (esemplare, da questo punto di vista, la parte girata in Corea del Nord, con il Monte Paektu legato a doppio filo all’ascesa al potere di Kim Jong-il, Supremo Leader della Repubblica Popolare Democratica di Corea). Muovendosi costantemente tra scienza e mitologia, il film è anche una presa di coscienza della realtà, una visione sublime e partecipe durante la quale la poetica di Herzog raggiunge un livello di pienezza sempre più ammaliante.

Voto 7,5

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 56 = 57

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi