Artista di strada prende di mira Meryl Streep

Di Carolina Tocci
Share

Meryl_Streep_She_Knew

Los Angeles si è svegliata così oggi, con numerosi cartelloni sparsi per le strade della città in cui campeggia un’immagine di Meryl Streep accanto ad Harvey Weinstein. C’è anche un QR code per fare donazioni in bitcoin. L’attrice ha gli occhi coperti da una scritta in cui si legge “She Knew“, “Sapeva”. Il riferimento è ovviamente al caso di molestie e abusi che ha travolto l’ex magnate di Hollywood, con il quale la Streep ha lavorato nel corso degli anni. L’ipotesi più accreditata è che si tratti di un artista di strada, ma non si sa ancora chi si nasconde dietro un simile gesto. Sono molte le foto che ritraggono i due insieme, a serate di gala, festival e altre occasioni. Ma da quando è scoppiato lo scandalo, Meryl Streep ha preso le distanze da lui in più di un’occasione.

She_Knew



Proprio ieri l’attrice ha risposto pubblicamente alla sua collega Rose McGowan che l’aveva attaccata su Twitter dopo la proposta del tre volte premio Oscar e di altre attrici di mettere in atto una protesta silenziosa sul red carpet dei prossimi Golden Globe, invitando le donne a vestirsi di nero contro lo scandalo molestie sessuali.

Il vostro silenzio è il problema“, aveva scritto la McGowan, tra le prime accusatrici (e vittime) del produttore americano, alludendo al fatto di come, secondo lei, la Streep (vincitrice di un Oscar nel 2012 col film prodotto da Weinstein,The Iron Lady) fosse rimasta zitta nonostante le voci sull’ex produttore.
Non ha tardato ad arrivare la replica di Meryl Streep. “Io – si legge nella sua lettera aperta – non sono rimasta deliberatamente in silenzio, semplicemente non avevo idea del comportamento di Weinstein. Ferisce il fatto di essere attaccata da Rose, ma voglio che lei sappia che non sapevo dei crimini di Weinstein, del suo attacco a lei e ad altre donne. Non sono stata deliberatamente in silenzio. Non sapevo”. “Non ho tacitamente approvato lo stupro, non sapevo. Non mi piace – prosegue – che giovani donne vengano aggredite, ma non ne ero a conoscenza. Non so dove Harvey vive, non è mai stato a casa mia né mi ha invitato nella sua camera d’albergo. Sono stata nel suo ufficio una volta per un incontro con Wes Craven per La musica del cuore, nel 1998. Ha distribuito film che ho fatto con altre persone. Non era un regista ma un produttore. E Weinstein ha  atto di tutto perché quello che ha fatto a Rose e alle altre non si sapesse. Aveva bisogno che noi non lo sapessimo, perché l’essere legato a noi gli dava credibilità, e la possibilità di attirare giovani aspiranti attrici in situazioni in cui sarebbero state ferite. Aveva più bisogno lui di me che io di lui“. “Rose – conclude Streep – ha tutto il mio rispetto, insieme alle altre donne che hanno avuto il coraggio di rivelare quale mostro vivesse tra noi. Mi dispiace ora di essere vista come un avversario, perché noi combattiamo la stessa battaglia per le donne“.

 

Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

8 + 1 =

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi