Gangster Squad: cambio di scena dopo la strage

Di Carolina Tocci
Share

Quando si dice che la realtà supera di gran lunga la fantasia… E a Hollywood lo sanno bene. E’ accaduto recentemente a Kathryn Bigelow che aveva appena finito di scrivere un film su Osama Bin Laden quando il leader di Al Quaida è stato catturato e ucciso nel maggio dello scorso anno, costringendo la regista a modificare sensibilmente la sceneggiatura. Ed è successo anche a uno dei film più attesi del prossimo autunno, Gangster Squad, pellicola diretta da Ruben Fleischer con Sean Penn, Ryan Gosling, Emma Stone e Josh Brolin. Gangster Squad, (la cui uscita prevista in ottobre è stata rimandata a gennaio a causa della strage di Aurora), racconta la storia di una task force intrapresa dalla polizia di Los Angeles negli anni Quaranta per catturare il boss Meyer Harris Mickey Cohen, noto gangster membro della Mafia Ebrea, e consegnarlo alla giustizia.

Dopo quanto accaduto lo scorso weekend ad Aurora, infatti, la Warner Bros, casa distributrice sia de Il cavaliere oscuro: Il ritorno sia di Gangster Squad, ha ritenuto opportuno eliminare da quest’ultima pellicola una sequenza molto, troppo simile ai fatti accaduti nel cinema durante la prima del film di Christopher Nolan. La scena incriminata vede la gang del mafioso Cohen (Penn) sparare da dietro lo schermo cinematografico contro il pubblico in sala. Ancora potete vederla alla fine del trailer ufficiale diffuso nei mesi scorsi in rete e con ogni probabilità verrà presto eliminato. Intanto dalla Warner hanno fatto sapere che questa sequenza verrà sostituita con un’altra che sarà girata quanto prima.



Share

Comments

About author

Carolina Tocci

Giornalista freelance e blogger, un giorno le è venuta l'idea di aprire questo sito. Scrive di cinema e gossip e nel buio di una sala cinematografica si sente a casa.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

9 + = 17

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi