Capitan America – Il soldato d’inverno

Di
Share

Due anni dopo aver sconfitto la minaccia che ha sconvolto New York nel primo The Avengers, ritroviamo Steve Rogers/Captain America (Chris Evans) a Washington mentre cerca di vivere una quotidianità normale, provando ad adattarsi ad un’epoca che sente non appartenergli.
In seguito allo scontro con il mercenario francese Batroc per recuperare una nave sequestrata, Captain America viene informato da Nick Fury (Samuel L. Jackson) della possibilità di un complotto interno allo SHIELD.
Braccato quindi da quelle stesse forze che, almeno in teoria, dovrebbero proteggere il mondo dal male e coadiuvato solo da Vedova Nera (Scarlett Johansson) e dal nuovo alleato Falcon (Anthony Mackie), il supereroe dovrà affrontare un nuovo e all’apparenza invincibile nemico: il Soldato d’Inverno.



Nuovo tassello della saga dei Vendicatori e prodromo, insieme a Thor – The Dark World e Iron Man 3, del prossimo film collettivo (The Avengers – Age Of Ultron), Capitan America – Il soldato d’inverno segna il definitivo passaggio del mondo Marvel a dinamiche, sia produttive che testuali, molto più vicine a quelle della lunga serialità televisiva che non all’universo cinematografico.
Una volta svincolato dalla responsabilità di narrare le origini del supereroe in questione (vera piaga della maggior parte dei “capitoli uno” appartenenti a questo filone), il film infatti parte senza indugi calandoci nel bel mezzo dell’azione.
Non c’è spazio qui per gli spiegoni o per un’eccessiva introspezione psicologica e qualsiasi riferimento metatestuale – meccanismo tipico di tutta la drammaturgia che prende le mosse dal mondo dei fumetti – viene risolto con rapidissimi flashback che chiariscono senza però mai rallentare il perfetto fluire della visione.
La stessa scelta dei registi è chiaro indice di una volontà produttiva tesa a spogliare la serie degli iniziali intenti autoriali che hanno portato, ad esempio, alla scelta di un regista come Kenneth Branagh per il primo Thor e che pongono questo secondo Captain America lontano anni luce sia dal cupo tormento del Batman di Christopher Nolan (ma in quel caso siamo davvero su un altro pianeta) che dal fiato corto de L’uomo d’acciaio di Zack Snyder.

Nelle mani dei fratelli Russo (Welcome To Collinwood, Tu, io e Dupree) – autori magari privi di uno spiccato stile registico, ma forse proprio per questo maggiormente funzionali all’intrattenimento puro –  le gesta del supereroe più patriottico e meno glamour del catalogo Marvel, non ambiscono ad essere nulla di più di quanto di quanto non ci sia da aspettarsi da un film della Marvel.
C’è qualcosa di estremamente rassicurante nella prevedibilità di questi film che, se da una parte non riserva particolari scossoni emotivi, dall’altra li fa assomigliare a certi incontri con quei vecchi amici che, seppure di rado forieri di novità rilevanti, sappiamo non ci annoieranno mai. E che, per questo, sono quasi incapaci di deludere le aspettative di un pubblico che, in buona sostanza, chiede spettacolo.
E qui lo spettacolo – complice un 3D più azzeccato che altrove – è di altissimo livello.
A voler essere severi (e anche un po’ guastafeste), si potrebbe lamentare anche qui, come nel caso di Thor, una certa inespressività del protagonista (molto più convincente, ad esempio, nel recente e bellissimo Snowpiercer) ma non è tanto un problema di Chris Evans – come non lo era di Chris Hemsworth in Thor – quanto di un’effettiva unidimensionalità di personaggi che, già sulla carta, non presentano né le tracce del dissidio interiore di Bruce Wayne né il carisma fuori dall’ordinario di Tony Stark.
Conviene invece godersi il film, beandosi di quanto sembrino lontani i tempi in cui vedere un supereroe al cinema poteva anche significare imbattersi nel catatonico Devil interpretato da Ben Affleck o, peggio, negli orridi B-movie dedicati al Punitore.

Voto 7

Come è ormai prassi quando si tratta di un film Marvel, l’imperativo categorico è sempre il solito: non abbandonare la sala prima della fine dei titoli di coda!

Share

Comments

About author

Fabio Giusti

Da sempre convinto che, durante la proiezione di un film, nulla di brutto possa accadere, ha un passato da sceneggiatore, copywriter e altre prescindibili attività. A parte vedere film fa ben poco.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 19 = 25

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi