I migliori film del 2017 secondo Fabio Giusti

Di Fabio Giusti
Share

10. Vi presento Toni Erdmann – Maren Ade

Toni_Erdmann

Partendo dalla dinamica che spesso vuole che un figlio, pur di affrancarsi da una figura paterna ingombrante, debba ucciderla metaforicamente, Toni Erdmann si fa elogio agrodolce della follia che affonda il suo bisturi emotivo nell’imbarazzo di una giovane donna professionalmente e socialmente arrivata, rispetto a un padre che è un concentrato di stravaganze (leggi pure “debolezze”) in bella vista. Si ride ma, in più di un’occasione, per mascherare la paura che quell’imbarazzo possa essere anche il nostro.



 

9. Elle – Paul Verhoeven

Un finto giallo in cui il whodunit si esaurisce più o meno a metà film e, una volta reso noto il colpevole, ciò che conta è solo questo splendido ritratto di donna (dal coefficiente erotico tendente a infinito) e il complesso percorso circolare che, da un passato di indicibile violenza mai davvero del tutto metabolizzato, arriva al desiderio di altra violenza nel tentativo, per lo più sterile, di riuscire a recuperare una forma di controllo sulla propria vita.

 

8. T2 Trainspotting – Danny Boyle

Se il primo Trainspotting rappresentava l’Inferno, è facile che questo T2 Trainspotting sia il Purgatorio. Almeno uno dei tanti. E l’unica cosa che rende tollerabile il Purgatorio è l’idea che, da qualche parte, possa esserci un Paradiso. Solo che su questo punto Danny Boyle è piuttosto chiaro: fuori dalla cameretta di Mark Renton di sicuro non c’è. Per cui tanto vale rimetter su quel vecchio disco di Iggy Pop e iniziare a ballare.

 

7. Scappa – Get Out – Jordan Peele

Scappa-Get-out

Sotto una patina perturbante fatta più o meno di tutti i topoi del caso (dagli insistiti close-up degli oggetti all’immancabile scantinato) Peele costruisce un saggio di impressionante lucidità su cosa significhi essere neri in America nel 2017, dopo due amministrazioni Obama e subito prima di entrare nella temutissima era Trump.

 

6. Detroit – Kathryn Bigelow

Detroit utilizza la Storia (in questo caso parecchio recente) per parlare dell’America di oggi e della pericolosa recrudescenza di certe forme di razzismo che, se non proprio sparite del tutto, consideravamo, se non altro, latenti o isolate. Perché la distanza tra le esplosioni irachene di The Hurt Locker e gli spari dell’Algiers Motel è molto più breve di quanto si possa pensare. Oltre al fatto che sempre di guerra si parla.

 

5. Civiltà perduta – James Gray

LCOZ_4545.CR2

Elegia dell’esplorazione di rara potenza evocativa in cui confluisce tutto il cinema “eroico” migliore di sempre, da Milius a Coppola (tutto il film è un omaggio ad Apocalypse Now! ma il fotogramma tribale che lo apre sembra proprio preso da lì) passando per la contemplazione estetica della natura tipica di Malick. È un film magnifico Civiltà perduta e, come molte altre opere ugualmente ambiziose, verrà preso sotto gamba per poi essere rivalutato con gli anni.

 

4. Logan – The Wolverine – James Mangold

Dopo il pessimo Wolverine – L’immortale, James Mangold si ricorda di essere (anche) il regista di Copland e firma il cinecomic che proprio non t’aspetti. Un western senile dolente e selvaggio molto più vicino all’universo di Sam Peckinpah – e non è un caso che sia ambientato al confine tra Stati Uniti e Messico – che non a quello Marvel. Con ‘Sua Oscurità’ Johnny Cash a benedire dall’alto.

 

3. La La Land – Damien Chazelle

Di La La Land si è forse parlato anche troppo e, per lo più, per i motivi sbagliati. Quello che infatti passerà alla storia come il “musical che piace a chi non ama i musical” è in realtà uno dei più mirabili esempi  di cinema puro del dopo Titanic. Dietro la storia d’amore che vorremmo riportare indietro all’infinito per vedere se, almeno una volta, va a finire bene, c’è tutta la nostalgia per un tempo perduto e, allo stesso tempo, una radicale messa alla prova delle (infinite) possibilità di una macchina da presa.

 

2. Baby Driver – Il genio della fuga – Edgar Wright

baby-driver

Pensate ai migliori film incentrati su inseguimenti in auto – da Punto Zero a Driver l’imprendibile passando per Bullitt – metteteli insieme e non vi avvicinerete nemmeno lontanamente alla velocità di questo sfrenato capolavoro pop. Folle musical d’azione in cui la musica, piuttosto che accompagnare l’azione, letteralmente la alimenta, Baby Driver è la vera sorpresa di questo 2017. Una sublime dimostrazione (Tarantino docet) di cosa differenzi il semplice esercizio citazionistico dall’arte della riscrittura.

 

1. Dunkirk – Christopher Nolan

Nolan spinge fino al limite estremo la sua riflessione sul tempo percepito dilatandolo a dismisura e, paradossalmente, firmando la sua opera dal minutaggio più contenuto. L’autore simula una maggiore immediatezza mentre, in realtà, aggiunge un ulteriore tassello di complessità al suo Cinema, principalmente ribaltando dall’interno le regole del war movie girandone uno come se fosse un thriller. Anche se Dunkirk risulta essere qualcosa di molto più simile a un’esperienza sensoriale che non a un film. Lo dimostra il fatto che si esca dalla visione autenticamente spossati.

Share

Comments

About author

Fabio Giusti

Da sempre convinto che, durante la proiezione di un film, nulla di brutto possa accadere, ha un passato da sceneggiatore, copywriter e altre prescindibili attività. A parte vedere film fa ben poco.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

32 + = 42

Per offrirti il miglior servizio possibile il sito utilizza i cookie. Proseguendo la navigazione, ci autorizzi a memorizzare ed accedere ai cookies di questo sito web. Leggi l'informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi